Accesso Libero
L'inesistenza della notificazione del ricorso per cassazione è configurabile nelle ipotesi in cui venga posta in essere un'attività priva degli elementi costitutivi essenziali idonei a rendere riconoscibile un atto qualificabile come notificazione
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIV. - ORDINANZA 11 aprile 2024 N. 9909
Accesso Libero
In tema d'imposte sui redditi, va esclusa la deducibilità delle spese legali sostenute dalla società contribuente per la difesa di propri dipendenti in un procedimento penale nato dalla querela di altri dipendenti nell’ambito del rapporto di lavoro
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 11 aprile 2024 N. 9910
Accesso Libero
Nel processo tributario, la motivazione di una sentenza può essere redatta "per relationem" rispetto a quella di un'altra decisione, anche se non passata in giudicato
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 04 aprile 2024 N. 9020
Accesso Libero
Nel giudizio di cassazione, in considerazione della particolare struttura e della disciplina del procedimento di legittimità, non è applicabile l'istituto dell'interruzione del processo
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 04 aprile 2024 N. 9024
Accesso Libero
In tema di liquidazione delle spese processuali, il giudice, in presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, ha l'onere di dare adeguata motivazione dell'eliminazione e della riduzione di voci da lui operata
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 04 aprile 2024 N. 9042
Accesso Libero
In caso di dichiarazioni aggiunte dal confitente alla confessione, ai sensi dell'art 2734 cod civ, la contestazione della controparte non può derivare dalla mera richiesta di accoglimento della domanda incompatibile con le dichiarazioni aggiunte
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE - ORDINANZA 03 aprile 2024 N. 8768
Accesso Libero
Il procedimento di reclamo avverso le decisioni del Commissario agli usi civici va inquadrato nel sistema generale delle impugnazioni, sicché il termine breve ex art.325 cpc decorre unicamente dalla notificazione della sentenza ad opera delle parti
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - SENTENZA 29 marzo 2024 N. 8573
Accesso Libero
In tema di cessioni intracomunitarie, l’assenza e “a fortiori” l’erroneità dell’indicazione del “VAT number” del cessionario in fattura non possono comunque impedire l’individuazione del (o di un diverso) cessionario effettivo
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 25 marzo 2024 N. 8020
Accesso Libero
In caso di sequestro conservativo di beni immobili disposto nell’àmbito di un procedimento penale e di successiva sentenza penale di condanna alla restituzione alla parte civile di somme di denaro sottoposta decorre dalla pubblicazione della sentenza
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE - ORDINANZA 22 marzo 2024 N. 7889
Accesso Libero
Nel caso di trasformazione di enti creditizi pubblici in società per azioni, non può essere esclusa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, L. n. 218/1990, l’applicabilità della disciplina sui licenziamenti di cui alla L. n. 223 del 1991
CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE LAVORO - ORDINANZA 21 marzo 2024 N. 7695
Accesso Libero
La legittimazione ad agire costituisce una condizione dell’azione diretta all’ottenimento, da parte del giudice, di una qualsiasi decisione di merito, la cui esistenza è da riscontrare alla stregua della fattispecie giuridica prospettata dall'azione
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE - ORDINANZA 20 marzo 2024 N. 7424
Accesso Libero
La valutazione dell'operazione economica "in base al valore normale" prescinde dalla capacità originaria dell'operazione di produrre reddito e, quindi, da qualsivoglia obbligo negoziale delle parti attinente al pagamento del corrispettivo
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - SENTENZA 19 marzo 2024 N. 7361
Accesso Libero
Il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione non può pertanto tradursi in un ineluttabile onere di integrale trascrizione degli atti e documenti posti a fondamento del ricorso, laddove sia indicato il contenuto degli atti richiamati
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 19 marzo 2024 N. 7352
Accesso Libero
In caso di disconoscimento di costi e delle spese dei beni o delle prestazioni di servizio direttamente utilizzati per il compimento di atti o attività qualificabili come delitto non colposo, il giudice tributario non può accertare il delitto
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 19 marzo 2024 N. 7275
Accesso Libero
L'autorità del giudicato sostanziale opera, infatti, solo entro i rigorosi limiti degli elementi costitutivi dell'azione e presuppone che tra la precedente causa e quella in atto vi sia identità, non solo di parti, ma anche di petitum e causa petendi
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE - ORDINANZA 14 marzo 2024 N. 6917
Accesso Libero
In caso di esecuzione forzata intrapresa sulla base di un titolo giudiziale non definitivo, la sopravvenuta caducazione del titolo per effetto di una pronuncia del giudice della cognizione comporta la pronuncia di cessazione del contendere
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE - ORDINANZA 14 marzo 2024 N. 6902
Accesso Libero
L’istituto tesoriere degli enti locali è sempre tenuto a fornire al giudice dell’esecuzione tutti gli elementi utili a consentirgli l’eventuale rilievo di ufficio dell’impignorabilità delle somme oggetto dell’azione esecutiva dei creditori
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE - ORDINANZA 08 marzo 2024 N. 6371
Accesso Libero
L’importatore a conoscenza dell’ammissione del proprio spedizioniere e rappresentante doganale diretto al beneficio del pagamento differito dei diritti doganali, risponde del comportamento fraudolento del rappresentante
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 07 marzo 2024 N. 6153
Accesso Libero
In tema di notificazioni degli atti processuali, qualora la notificazione dell'atto, da effettuarsi entro un termine perentorio, non si concluda positivamente per circostanze non imputabili al richiedente, questi ha facoltà e onere della rinotifica
CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V CIVILE - ORDINANZA 07 marzo 2024 N. 6244
Accesso Libero
Alla luce dei principi di economia processuale e di ragionevole durata del processo, il giudice può rilevare anche d'ufficio il difetto di giurisdizione solo se sul punto non si è formato il giudicato anche implicito
CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE LAVORO - ORDINANZA 28 febbraio 2024 N. 5311