Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | LUNEDÌ   23  SETTEMBRE AGGIORNATO ALLE 8:1
Testo del provvedimento

MISURE DI PREVENZIONE E DI SICUREZZA


Sindacato del giudice amministrativo sulle misure interdittive




CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III - SENTENZA 5 settembre 2019, n.6105
MASSIMA
Il giudice amministrativo, chiamato a sindacare il corretto esercizio del potere prefettizio nel prevenire l’infiltrazione mafiosa, deve farsi attento custode delle irrinunciabili condizioni di tassatività sostanziale e di tassatività processuale di questo potere per una tutela giurisdizionale piena ed effettiva di diritti aventi rango costituzionale, come quello della libera iniziativa imprenditoriale (art. 41 Cost.), nel necessario, ovvio, bilanciamento con l’altrettanto irrinunciabile, vitale, interesse dello Stato a contrastare l’insidia delle mafie. Ne consegue che, in conformità con il principio di tassatività, l’applicazione della misura interdittiva deve avvenire in presenza delle due forme di contiguità, compiacente o soggiacente, dell’impresa ad influenze mafiose, allorquando, cioè, un operatore economico si lasci condizionare dalla minaccia mafiosa e si lasci imporre le condizioni (e/o le persone, le imprese e/o le logiche) da questa volute o, per altro verso, decida di scendere consapevolmente a patti con la mafia nella prospettiva di un qualsivoglia vantaggio per la propria attività.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA