Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | GIOVEDÌ   18  LUGLIO AGGIORNATO ALLE 21:9
Testo del provvedimento

GIURISDIZIONE E COMPETENZA


Contratti pubblici, la giurisdizione per le controversie aventi ad oggetto una seconda riduzione dell'importo contrattuale è del go




CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III - SENTENZA 25 marzo 2019, n.1937
MASSIMA
Le controversie aventi ad oggetto la pretesa di procedere ad una seconda riduzione dell’importo contrattuale, disposta da una amministrazione in fase di rinegoziazione ex art. 9 ter, d.l. 19 giugno 2015, n. 78, non possono ascriversi all’esercizio di una potestà pubblica, rispetto al quale possa predicarsi un cattivo uso del potere. L'amministrazione, in tali casi, non dispone, dunque, di un potere autoritativo di modifica unilaterale dell’oggetto del contratto, ma solo di un diritto potestativo di recesso in caso di mancato accordo tra le parti sulla riduzione del prezzo o delle prestazioni (controbilanciato da analoga potestà dell’appaltatore di sciogliersi dal vincolo). Ne consegue che la giurisdizione spetta al giudice ordinario.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA