Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | VENERDÌ   18  GENNAIO AGGIORNATO ALLE 10:29
Testo del provvedimento

CAUSALITÀ
INFORTUNI (PREVENZIONE)
CP Art. 41


QUANDO LA CONDOTTA ABNORME DEL LAVORATORE INTERROMPE IL NESSO CAUSALE?




CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. IV PENALE - SENTENZA 27 dicembre 2018, n.58272
MASSIMA
La condotta abnorme del lavoratore interrompe il nesso di causalità tra l’azione o l’omissione del datore di lavoro e l’evento non solo quando essa si collochi in qualche modo al di fuori dell’area di rischio definita dalla lavorazione in corso, ma anche quando, pur collocandosi nell’area di rischio, sia esorbitante dalle precise direttive ricevute ed, in sostanza, consapevolmente idonea a neutralizzare i presidi antinfortunistici posti in essere dal datore di lavoro; cionondimeno, quest’ultimo, dal canto suo, deve aver previsto il rischio ed adottato le misure prevenzionistiche esigibili in relazione alle particolarità del lavoro.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA