Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MARTEDÌ   18  GIUGNO AGGIORNATO ALLE 7:10
Testo del provvedimento

SILENZIO DELLA P.A.


Negata la legittimazione ad agire dell'ente esponenziale avverso il silenzio della pa per l'indizione di un bando




CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV - SENTENZA 17 dicembre 2018, n.7090
MASSIMA
Qualora l’azione avverso il silenzio rispetto all'adozione di un atto generale sia proposta da un soggetto che si assuma esponenziale dell’interesse collettivo della generalità dei potenziali destinatari dell’atto generale di cui è sollecitata l’adozione, la legittimazione ad agire sussiste solo quando venga invocata la violazione di norme poste a tutela dell’intera categoria, e non anche quando si verta su questioni concernenti singoli iscritti ovvero su questioni capaci di dividere la categoria in posizioni contrastanti. (Fattispecie in cui il Cds, pur non riconoscendo all'ente esponenziale alcuna preclusione di legge all'esperibilità del rito sul silenzio sulla base del mero carattere regolamentare o generale dell’atto di cui si invoca l’adozione, ha negato la legittimazione ad agire dell'associazione Dirpubblica, non potendosi dimostrare l’interesse della totalità degli iscritti di privilegiare la strada dell'indizione di un bando di concorso, ai sensi dell’articolo 4 bis, comma 1, d.l. n. 78/2015, piuttosto che altre soluzioni normativamente possibili per provvedere al reclutamento di personale dirigenziale).



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA