Shop Neldirittoeditore Carrello
| Catalogo libri | Rivista | Distribuzione | Formazione | MERCOLEDÌ   19  DICEMBRE AGGIORNATO ALLE 16:15
Testo del provvedimento

CONCORSO


Per indire nuovi concorsi in presenza di graduatorie valide, occorre motivazione adeguata




TAR LAZIO - SENTENZA 12 novembre 2018, n.10862
MASSIMA
L’Amministrazione, in presenza di una graduatoria in corso di validità e ai fini della legittimità della scelta di indire nuovi concorsi pubblici, è tenuta a fornire un’adeguata motivazione sul punto, che deve riguardare l’effettiva carenza in concreto di professionalità equivalenti nell’ambito delle graduatorie concorsuali ancora valide.



CASUS DECISUS
Nell'impiego pubblico, l'indizione del nuovo concorso, volto alla copertura di posti vacanti, costituisce l'eccezione rispetto allo scorrimento di una graduatoria già esistente e per la quale non è decorso il termine di tre anni di cui all'art. 35, c. 5 ter, del d.lgs. n. 165/2001. Pertanto, tale scelta richiede un'apposita e approfondita motivazione, che dia conto del sacrificio imposto ai concorrenti idonei e delle preminenti esigenze di interesse pubblico.
Inoltre, il Tar ribadisce che l'Amministrazione non può integrare la motivazione del provvedimento con cui è stata indetta la gara con la presentazione dei motivi in sede giurisdizionale, dovendo la motivazione precedere e non seguire ogni provvedimento amministrativo, individuando con ciò il fondamento dell'illegittimità della motivazione postuma nella tutela del buon andamento amministrativo e nell'esigenza di delimitazione del controllo giudiziario.



ALLEGATO PDF DELLA SENTENZA